dpr 74-2013_01

Con che frequenza fare il controllo della caldaia.

Spesso mi succede che le persone mi chiedano ogni quanto è necessario fare la “pulizia” della caldaia.

Le risposte le troviamo nel D.P.R. N. 74 del 2013, il quale differenzia il “controllo e manutenzione dell’impianto” dal “controllo dell’efficienza energetica dell’impianto”. Il primo è la semplice manutenzione ordinaria del generatore; è prevista per tutti i generatori e consiste in un check-up completo per mantenere il funzionamento in sicurezza dello stesso. Il secondo è la verifica dei rendimenti, si effettua per impianti con potenza superiore a 10kW ed è finalizzato a verificare che il generatore rispetti i limiti di legge in fatto di rendimento e di emissioni di CO2 in atmosfera.

Il controllo e la manutenzione devono essere fatti con la frequenza data da:

  • la ditta installatrice;
  • il libretto del generatore se la prima non ha fornito indicazioni
  • secondo norme UNI e CIG se non ci sono le prime due condizioni.

Il controllo dell’efficienza  energetica deve essere fatto secondo la seguente tabella.

dpr 74-2013_01

Sempre nel decreto però, viene indicato che il controllo dell’efficienza deve essere effettuato ogni volta che viene fatto anche il controllo di manutenzione. Quindi possiamo dire che, se il controllo dell’impianto ha cadenza superiore alla tabella sopraindicata si avranno due tipi di controlli in periodi diversi, se il controllo ha cadenza uguale o inferiore si dovrà rispettare per entrambi la periodicità del controllo e manutenzione dell’impianto.

Nel caso di una caldaia esistente, la quale ha indicato nel proprio libretto che la manutenzione debba essere fatta ogni anno (cosa che succede molto spesso), questo comporta che ogni anno dovranno essere fatti entrambi i controlli anche se diversamente indicato nel prospetto precedente.

Perché chiarire cosa sono il “controllo e manutenzione” e il “controllo dell’efficienza energetica dell’impianto”?  Se chiamate una ditta per il controllo del generatore di calore, in base a quello che chiederete vi saranno applicate delle tariffe diverse. Entrambi i controlli comportano operazioni differenti da effettuare e devono essere giustamente retribuite. Sapere cosa siete obbligati a controllare vi consentirà di spendere la giusta somma di denaro per la vostra situazione.

Ricordo che spesso la sostituzione del generatore di calore con un altro a più elevata efficienza può portare a notevoli risparmi e ad un veloce ritorno dell’investimento. Se questa condizione esiste e si può quindi risparmiare in combustibile si può facilmente verificare con un’analisi energetica che evidenzia non solo questo aspetto ma anche tutti gli altri interventi che possono essere eseguiti per un risparmio energetico e quindi di spese gestionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *